Vai al contenuto

Disgrafia: 5 Trucchi per allentare la tensione nell’impugnatura della matita

Ho ricevuto numerose mail e richieste su come aiutare i bambini e ragazzi a attenuare la tensione nell'impugnatura della matita: la classica zappatura sul foglio!

Ho deciso così di scrivere un articolo pratico su come allentare questa morsa sulla matita, con 5 trucchi, semplici da usare con bambini e ragazzi (fanno bene anche agli adulti 😊)

  1. Giochi di dita

Ricordate i giochi di dita?

Io ne conosco uno bellissimo che aiuta ad allentare la pressione delle dita: eccolo qui

“Il piccolo mignolo così per giocare                    

montò sopra il dorso del buon anulare                  (mettere il mignolo sopra l’anulare)

e questi sul medio pian piano, bel bello

si fece portare dal proprio fratello.                       (mettere l’anulare sopra il medio)

Il medio che è forte, ma un po' fannullone

del povero indice montò sul groppone                   (mettere il medio sopra l’indice)

il pollice furbo si mise a fuggire

e l'indice svelto lo volle inseguire

a ancora li insegue coi tre sulla groppa

e intanto la mano galoppa, galoppa, galoppa.”

 

Ripetere anche con l’altra mano.

Ottime anche le ombre cinesi e altri giochetti come “il ragno Eensy Weensy”

 

  1. Attività di destrezza delle mani

Alcune attività suggerite per aiutare lo sviluppo della destrezza delle mani e delle dita, necessaria per un’adeguata impugnatura della matita sono:

  • Fare areoplanini
  • Origami
  • Tagliare con le forbici
  • Maglia a dito
  • Fare nodi
  • Cucire
  • Svolgere attività casalinghe
  • Impastare e fare il pane

 

  1. Espansione e contrazione della mano

Un modo per aiutare il bambino a spostarsi sulla superficie di scrittura consiste nel fargli praticare movimenti di espansione e contrazione della mano sul tavolo, prima senza una matita, poi impugnandone una lunga:

  • Ponete la mano destra sul lato sinistro del tavolo, con pugno serrato e pollice separato,
  • Mantenendo la posizione del pollice che preme sulla superfice del tavolo, allargate la mano alla sua massima ampiezza, permettendole di muoversi verso l’alto e verso destra sopra la superficie,
  • Mantenendo la posizione della punta del dito mignolo, serrate la mano su questo dito (ora la mano è nella posizione iniziale, ma da un altro posto)
  • Dalla nuova collocazione del pollice, allungate e contraete di nuovo la mano, fino a raggiungere il bordo superiore destro del tavolo,
  • Ripetete poi il processo, tenendo una matita lunga fra il dito indice e il medio, con la parte superiore della matita che scorre contro la parte inferiore del pollice.
  1. Liberare la pressione eccessiva

Per liberare la pressione eccessiva della mano nell'impugnatura della matita, possiamo agire in due modi:

  1. Direttamente, facendo sollevare al bambino il dito indice dalla matita quando scrive o disegna
  2. Indirettamente, rendendo mobile la mano addestrando il piede. Cioè facendo disegnare forme e scrivere lettere e numeri al bambino con il piede (destro per destrimani, sinistro per i mancini)

5. Lo scarabocchio

Prendi un foglio di carta grande e ambio, così che possa esserci un bello spazio. Procedere:

  • Fai eseguire al bambino destrimane un mulinello circolare centripeto dall’alto a destra fino in basso a sinistra, in senso antiorario; al mancino in direzione opposta, quindi senso orario.
  • Per i bambini più grandi, dagli 11 anni in poi, quando si sono sfogati liberandosi delle tensioni con il mulinello scarabocchio, si può passare a fare pratica con delle spirali in senso orario diverse volte, con ampie curve da sinistra a destra (direzione abituale di scrittura)

 

Eccoti una vera è propria guida per allentare le pressioni eccessive sulla matita. Quando la chiude in una morsa potente, attiva almeno uno di questi 5 trucchi e vedrai ottimi risultati.

 

Se invece vuoi un metodo completo per riabilitare la disgrafia (o prevenirla), puoi accedere al programma completo Grafia Facile che trovi qui:

<<<< https://grafia-facile.gr8.com >>>>

Per il resto, se l’articolo è stato di tuo gradimento, condividilo con i tuoi amici. Se invece desideri farmi una domanda collegata all'articolo, scrivimi qui sotto nei commenti.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *